SALA XVI

Il Romanticismo storico

La pittura di soggetto storico nella seconda metà del secolo si allontana dalla lezione di Hayez per sperimentare nuove possibilità, ricche di inediti confronti col vero e di un uso spesso spregiudicato dei temi della storia nazionale per parlare di un’attualità in rapido mutamento. Da Eleuterio Pagliano, che attinge al fortunato filone della vita degli artisti del passato nella Morte della figlia di Tintoretto, all’esotismo della Cleopatra di Mosè Bianchi, fino alle sperimentazioni sul colore e la pennellata di Federico Faruffini, con la sua spregiudicata Lettrice, si arriva alla Scena medievale del macchiaiolo Vincenzo Cabianca. Anche la scultura percorre in questi anni nuove strade, come testimoniano la Leggitrice di Pietro Magni e la Fanciulla intenta a scrivere di Giovanni Spertini, improntate ad un’interpretazione moderna del dato naturale.