SALA XIII

Il ritratto dopo Hayez

Nella sala sono esposti alcuni esempi dei più importanti ritrattisti attivi in Lombardia attorno alla metà dell’Ottocento, accomunati dalla lezione del grande Hayez, che ognuno declina però secondo le proprie caratteristiche. Giuseppe Molteni è impareggiabile nella resa virtuosistica degli accessori e degli abiti mentre Carlo Arienti si dimostra più vicino all’intensità psicologica e all’essenzialità del maestro veneziano. Nuove strade, più esplicitamente romantiche, sono aperte invece da pittori quali Cherubino Cornienti e Mauro Conconi: di quest’ultimo, primo allievo di Hayez, è esposto il ritratto di Giovanni Juva, marito di Matilde Juva Branca, raffigurata da Hayez nel dipinto esposto nella sala precedente.